Il luogo più soleggiato dell’Adriatico; Benvenuto a Lesina

Sailing Destinations
Stanislav Kubíček 8 min read

La cosa migliore di una barca a vela è che non devi andare lontano! Ti bastano il benessere e il confort che la barca ti offre. Ti svegli al mattino e come prima cosa fai un tuffo nel mare. Spesso la gente mi chiede come faccia a vivere in uno spazio così piccolo; in realtà approfitto anche dello spazio che mi circonda, ed è qualcosa di speciale!

Se stai pensando a una vacanza in barca, prova l’isola di Lesina (Hvar in croato)!

L’isola di Lesina è forse la più famosa della Croazia. Dicono che tra le località dell’Adriatico sia quella con il maggior numero di giorni di sole all’anno. Con un territorio di quasi 300km2, è la quarta isola più grande del Mediterraneo.

Vista in incredibile arcipelago con yacht in città Hvar, Croazia
Fonte: 123rf.com

La storia dell’isola di Lesina è variegata; i ritrovamenti più antichi risalgono al 6000-5000 avanti Cristo. Questi ritrovamenti provengono soprattutto dalla grotta di Grapčeva, anche se sull’isola ci sono altre grotte simili. Qui, nei primi mille anni avanti Cristo, vissero gli Illiri. Puoi ancora trovarne traccia negli antichi insediamenti fortificati e nei cimiteri sulle colline. Verso il quarto secolo arrivarono i Greci, che fondarono prima la colonia di Pharos e poi quella di Dimos. Oggi Pharos è conosciuta come Cittavecchia (Stari Grad in croato) ed è una delle città più antiche d’Europa. L’insediamento di Dimos, oggi chiamato Lesina, l’attuale capoluogo dell’isola.

Se ti interessa sapere perché a Lesina e in altre isole ci sono muri di pietra, questo è il posto migliore per scoprirlo. Servono principalmente a suddividere i terreni agricole e i pascoli. A est di Cittavecchia troverai Starogradsko Polje, il monumento meglio conservato del Mediterraneo nel suo genere.

La Piana è un patrimonio mondiale dell'Unesco: è coltivata ininterrottamente da oltre 2400 anni!
Fonte: @starigradcroatia

Le terre dei Romani spartite dopo la colonizzazione di Lesina sono separate con cura da muri a secco e strade. La conformazione originale del territorio è stata conservata per le generazioni successive grazie alla costante manutenzione di questi muri. Qui l’attività agricola non ha cessato per 2400 anni, sino ad oggi. Ciò che vediamo oggi è la prosecuzione del paesaggio culturale dei coloni Greci. Nel 2008 questa regione è stata iscritta nella lista del patrimonio dell’umanità UNESCO per la sua peculiarità.

Quelli che rimasero sull’isola più a lungo sono i Veneziani, dal XIII alla fine del XVIII secolo. È a loro che Lesina deve il suo aspetto attuale. Durante la loro permanenza sull’isola, ne arricchirono l’architettura, la cultura e l’arte. L’isola ha prosperato per lungo tempo grazie alla pesca, alla coltivazione del rosmarino, della lavanda e degli ulivi. Da allora la lavanda è presente ovunque su quest’isola. Sulla costa troverai bancarelle e negozi che emanano un profumo percepibile a distanza. Puoi comprare della lavanda al naturale o in forma di sapone o miele – questo è il mio preferito!

Campo di lavanda con olivo a Hvar, Croazia.
Fonte: 123rf.com

Cittavecchia

Il nostro viaggio può cominciare dalla città più vecchia – Cittavecchia, la città che preferisco di tutta l’isola. Lo dico dal punto di vista di un capitano, dato che Cittavecchia ha un porto fantastico e sicuro.

Il lato opposto della baia è appena stato completato, quindi la capacità del porto è abbastanza ampia. Un sacco di gente passa il tempo sulla costa, ma è un peccato. Stradine e piazzette ti invitano a passeggiare: non smetterò mai di percorrerle fino a perdermi. Nella parte a nord ovest dell’isola il porto di Cittavecchia segna la fine della grande baia omonima. Questa baia nasconde altri posti ben riparati.

Vista sul lungomare della città di Stari Grad
Fonte: 123rf.com

Uvala Stupisce, Uvala Tiha, Zavala Luka: tutti questi posti sono perfetti sia per sostare un giorno e nuotare in mare sia per ormeggiare una notte. Inoltre ti sorprenderai di aver trovato la pace persino su un’isola come Lesina. Se mi chiedessi un consiglio su un ristorante ti direi di provare Tiha. Qui il protagonista è il cibo, e il proprietario è un amico e un artista dall’animo puro. L’esperienza generale in questo luogo è quindi irripetibile. Potrei portarci un direttore bancario o un principe, non importa; tutti se lo ricordano come l’incontro più bello che abbiamo mai avuto in Croazia.

Lesina

Forse il posto più conosciuto sull’Adriatico è il capoluogo dell’isola: Lesina. Con una fortezza che sovrasta la città e una movida che non troverai da nessun’altra parte sull’Adriatico! A proposito, sapevi che questa fortezza fu quasi fatale a Lesina quando un deposito di armi esplose? Per fortuna oggi non c’è un pericolo del genere. Anzi, il sentiero fino alla fortezza è fantastico. Vale la pena di percorrerlo per godere della vista sulla città e sulle isole Spalmadori.

Il porto di Lesina è un po’ problematico. È vero che è abbastanza ampio, però c’è un gran via vai di barche. La banchina è occupata soprattutto da yacht e superyacht di dimensioni enormi e da barche turistiche croate. Per gli yacht “normali” non resta che ormeggiare alle boe attaccate alla costa. La seconda opzione consiste nell’attraccare a poca distanza dal porto. Comunque sia, bisogna sempre fare attenzione al tempo!

Aerial view of Hvar town. 
Source: 123rf.com

Accanto all’isola di Lesina si trovano le isole Spalmadori (Pakleni Otoci) e l’isola di Torcola (Ščedro), tutte quante provviste di bellissime marine e baie, così durante la tua settimana di vacanza non dovrai andare altrove!

È difficile che la movida di Lesina deluda qualcuno. Bar come il Carpe Diem nel porto, Hula Hula Beach con un’atmosfera speciale al tramonto e altri bar e discoteche a un passo dall’acqua attraggono chiunque voglia vedere e farsi vedere. Lesina pulsa di vita!

Le isole Spalmadori appartengono alla città di Lesina. Quindi su queste isole ci sono molte barche che non trovano posto o che non vogliono ormeggiare a Lesina. L’arcipelago è formato da 11 isole e isolette e circa dieci baie per ormeggiare più una baia con una marina. L’ACI Marina Palmižana è una marina stagionale con servizi limitati, ma ospita alcuni ristoranti eccellenti! Un sentiero collega la marina alla baia di Vinogradisce sull’altro lato dell’isola: anche qui potrai scegliere tra diversi ristoranti. Devo dire che non saprei quale consigliare; forse dipende soltanto dal gusto; sono tutti quanti ristoranti di alta qualità ed è necessario prenotate! Dalla marina Palmižana puoi raggiungere la città di Lesina grazie a un servizio di taxi boat, fai soltanto attenzione a non perdere l’ultima corsa!

Una baia graziosa dove mi piace sostare ogni tanto è la baia di Velo Zarace. Si tratta di una piccola baia che può ospitare poche barche. Nella baia si trovano una spiaggetta, appartamenti in affitto e ristoranti.

Un altro posto da visitare è l’isola di Torcola. Qui ti consiglio soprattutto la baia Lovišče. Una baia pittoresca dove potrai ormeggiare alla banchina oppure alle boe. Qui ci sono due piccoli ristoranti dall’atmosfera accogliente.

Tornando a Lesina ma più a ovest si trova la baia Luka Mrtinovik. Il proprietario del ristorante Ante, di nome Gambo, ha ormeggi per i suoi ospiti e propone specialità del posto nel suo piccolo locale! Il tutto senza menù. Ciò che finisce nel piatto dipende esclusivamente da quello che riescono a pescare!

Sulla costa settentrionale dell’isola di Lesina c’è un posto in cui mi piace andare: la baia di Pokrivenik. Non so nemmeno che cosa mi piaccia così tanto di questo posto. La baia è ben riparata, principalmente grazie a delle scogliere abbastanza alte. Sembra un piccolo fiordo.

Passando per altre baie più piccole e adatte per ormeggiare durante la giornata, arriviamo alla città di Verbosca (Vrboska). Una volta giunto qui puoi decidere se fermarti all’ACI marina oppure continuare a percorrere la baia e gettare l’ancora esattamente di fronte a questa affascinante città. Ho un ricordo vecchissimo di Verbosca. Quando da piccolo ero qui con i miei genitori Lesina fu colpita da un grande incendio. Ricordo che quasi tutta l’isola andò a fuoco, e le fiamme distrussero casa dopo casa. I giorni seguenti camminavamo per il porto e sognavamo la nostra barca con cabina! Potevo avere due anni, eppure me lo ricordo ancora! Puoi trovare molte altre baie pittoresche tra Verbosca e la baia di Cittavecchia. Alcune vanno bene soltanto per un sosta di una giornata, in alcuni casi anche per ormeggiare di notte.

Il modo più facile di raggiungere l’isola di Lesina è dalla regione di Spalato (Split). Come punto di partenza per noleggiare la tua barca puoi scegliere: Split Marina, Marina Kastela, Marina Trogir, Marina Seget, Marina Marina. Per strada potrai visitare anche le isole Solta, Brazza (Brač) e Lissa (Vis), di cui parleremo un’altra volta!

croatia hvar sailing