In giro per l’Istria: il paradiso nascosto di Tito

Sailing Destinations
Stanislav Kubíček 4 min read

Quando quasi vent’anni fa sono andato in barca a vela sulla mia Fera appena rimessa a nuovo, abbiamo trascorso le prime settimane in una delle zone della Croazia che preferisco – in giro per l’Istria e le isole Brioni (Brijuni).

Sulla costa occidentale dell’Istria si possono trovare bellissime città storiche e posti interessanti. Venendo da nord si incontrano Parenzo, Rovigno e Pola (in croato Poreč, Rovinj e Pula). Oltre alla terraferma puoi visitare le isole e il Parco Nazionale di Brioni.

La storia della penisola istriana è estremamente variegata. Possiamo trovare una fortezza dell’Età del Bronzo, scoperta solamente nel 1953 su una collina chiamata Monkodonja. Si trova appena a est di Rovigno, dove furono scoperte le fondamenta di mura ed edifici storici. Alcune mura sono state parzialmente restaurate e tutto ricorda l’antica Micene in Grecia.

Ingresso a Monkodonja, un'antica città preistorica, fortezza collinare occupata intorno al 1800-1200 aC durante l'età del bronzo.
Fonte: 123rf.com

Inoltre, l’Istria fu per molto tempo parte dell’Impero Romano, e in seguito fu occupata dai Goti, dai Bizantini e dai Longobardi. Nei tempi più difficili il popolo istriano trovò rifugio su un’isola fortificata a Rovigno, dove le mura della città sono in piedi dal VII secolo. Queste mura servivano a difendersi dagli attacchi dei pirati croati e saraceni.

Dopo le guerre napoleoniche gli Asburgo presero il possesso dell’Istria, che divenne parte della monarchia asburgica. Dopo la Prima Guerra Mondiale l’Istria fu conquistata dall’Italia e ancora oggi molte delle sue città sono conosciute con il loro nome italiano. Dopo la Seconda Guerra Mondiale l’Istria fu occupata dalla Jugoslavia e nel 1991 si divise in Croazia e Slovenia.


Descrivere le città di Parenzo, Rovigno e Pola non basterebbe. Sono tutte quante degne di essere visitate, e in ogni città troverai un porto o una marina ben protetti. Ora andiamo direttamente al Parco Nazionale di Brioni.

Popis

Il parco comprende un arcipelago di 14 isole, incluso il mare circostante, coprendo un’area di più di 36 chilometri quadrati. Brioni Maggiore (Veliki Brijun) è l’isola più grande e l’unica che puoi visitare liberamente col tuo yacht. Le isole di Brioni hanno una storia tanto movimentata quanto quella dell’Istria continentale. Durante la Prima Guerra Mondiale l’isola era una base sottomarina della marina militare austroungarica. Durante la Seconda Guerra Mondiale, dopo la resa dell’Italia nel 1943, arrivarono i tedeschi. Successivamente l’isola fu bombardata nel 1945 e quasi tutti gli edifici del porto e della località balneare di Saluga furono distrutti.

Josip Broz Tito, presidente della Jugoslavia (davanti, a destra) dà un passaggio a Sophia Loren (davanti, a sinistra) e suo marito Carlo Ponti (dietro, a sinistra) intorno a Brioni. La moglie di Tito, Jovanka Broz, completa il quartetto. A Brioni, Tito ha ospitato numerosi statisti, politici e diplomatici (Fidel Castro, Che Guevara, Elisabetta II Regina di Gran Bretagna, ma anche Richard Burton, Kirk Douglas, Sofia Loren, Elizabeth Taylor)
Fonte: Facebook / @ lindagajski

Nel 1947 le isole vennero chiuse ai visitatori perché il presidente Tito le aggiunse alla lista delle sue dimore preferite. Le rovine dei vecchi edifici furono in parte demolite e in parte ricostruite e ristrutturate. Dopo la morte di Tito (1980) le isole divennero un parco nazionale. L’isola di Brioni Maggiore continua a essere utilizzata dal governo croato per i ricevimenti di stato e come dimora estiva del presidente. Oggi le isole rappresentano uno status symbol. Le tariffe e i costi per ormeggiare sono volutamente alti per scoraggiare i turisti, a eccezione di coloro che arrivano in barca e sono ricchi.

Flora & Fauna

Le isole hanno una flora e una fauna variegate; ci sono circa 680 specie di piante, molte delle quali nel resto dell’Istria sono a rischio di estinzione. Su queste isole, oltre alle specie mediterranee autoctone, prosperano foreste di querce e altri alberi importanti, come il pino, il cedro, l’eucalipto, l’abete, la sequoia e il cipresso. Sono presenti in gran numero anche piante esotiche come le palme e i cactus. Il cosiddetto vecchio ulivo è un’attrattiva unica, con i suoi 1600 anni circa!

Brijuni National Park, a 1600-year-old olive tree with milky way in the night.
Source: 123rf.com

Nel 1978, nel nord di Brioni Maggiore, fu creato un parco safari su un’area recintata di 9 ettari. Qui puoi vedere elefanti, lama, zebre, antilopi, pecore somale, vacche sacre indiane e asini tipici. Le isole di Brioni sono straordinarie e meritano di essere visitate.

Strada turistica nel parco Safari. Le isole hanno flora e fauna molto diverse; ci sono circa 680 specie di piante.
Fonte: 123rf.com